La Sardegna di oggi per la Memoria di domani
Home2019luglio (Pagina 2)

luglio 2019

di Ignazio Caruso - Ah, la Sardegna: mirto, nuraghe, maschere, riti ancestrali; croce e delizia per artisti e scrittori, patrimonio difficile da addomesticare, capace di essere allo stesso tempo terra fertile di idee e suggestioni, ma anche palude, tomba di intenzioni artistiche inghiottite dalla melma

Il Racconto di Natalino Piras - Tutto succede in un bar, il Barbaric Posada. Clientela eterogenea: loschi, ubriaconi e gente così. Luci alla bene e meglio. Parte la scazzottata. Risse dal sapore quotidiano che fanno scoprire personalità e debolezze

di Giampiero Cocco - La breve ma intensa vita di Ugolino “Nino” Visconti, «giudice di Gallura per grazia di Dio, signore della terza parte del regno Calleritano, capitano generale della taglia toscana», sarebbe rimasta sconosciuta, sepolta sotto la polvere della storia, se a ricordarne per l’eternità

di Norma Baldino, Antonello Podda, Emanuela Porru e Marco Zurru - Quasi il 70 per cento della nostra alimentazione è fatta di pane e pasta. Ma in quanti sanno che la Sardegna si caratterizza per oltre ottocento differenti tipologie di pani di semola o semolato che

di Marzia Piga - La nave romana carica di mille lingotti di piombo realizzati nelle miniere di Cartagena, in Spagna, colò a picco dalla prua. Giù verso il fondale a sudest dell’isola di Mal di Ventre, nella costa occidentale della Sardegna. Storia di tesori, storia

di Marcello Zasso - Il turismo approda in galleria, D nei siti produttivi affacciati sul mare del Sulcis-Iglesiente. Gli impianti hanno funzionato sino agli anni Settanta. Oggi sono mete ambite per l’unicità del paesaggio. Tra i tanti siti minerari dismessi e recuperati o in attesa

di Andrea Deidda - Oltre il mare c’è un’altra Sardegna. Un’isola selvaggia da percorrere in lungo e in largo a piedi, inforcando una bici, in sella a una motocicletta o in auto tra curve e silenzi. Lontano dalle spiagge affollate si apre quello che sembra

di Manuel Scordo - Aziende e case incenerite, migliaia di ettari di boschi, macchia mediterranea e terreni cancellati, centinaia di uomini al lavoro nel tentativo di sconfiggere o, quantomeno, arginare i roghi prima che raggiungano i centri abitati. Ma proprio dall’Isola potrebbe presto arrivare un

di Nicolò Migheli - Il visitatore che sbarca in Sardegna ha l’idea che in questa terra si parli il dialetto sardo. La colpa non è sua, anni di denigrazione nei mezzi di comunicazione e nella scuola hanno determinato l’immaginario degli italiani. Si sorprenderà quando qualcuno