La Sardegna di oggi per la Memoria di domani

marzo 2019

In Sardegna, uno dei dolci tipici della Pasqua è la pardula (o pardulas), un dolce il cui sapore fa affiorare dolci ricordi che affettuosamente conservo. Durante la mia infanzia, era tradizione nel vicinato accendere insieme i forni per preparare i vari tipi di pani pasquali:

Fonni è il paese più alto della Sardegna (1.000 metri) e, forse per questo, Grazia Deledda lo paragonò ad un avvoltoio in riposo, adagiato sulle cime del Gennargentu. La scrittrice, l’unica italiana ad aver vinto il Nobel per la letteratura, visitò Fonni più volte, dedicandogli

Il 10 ottobre del 1975 incontrai, per la prima volta, quello che già allora era un mito generazionale. Fabrizio De André si era appena trasferito, come me, a Tempio, cittadina dell’Alta Gallura, dove aveva acquistato per 27 milioni di lire L’Agnata (L’Angolo), uno stazzo diroccato

Che cosa comprereste con 2,7 milioni di euro? Il signor Kiyomura, lo scorso gennaio, ha comprato un tonno. Non un qualunque pinna gialla, come quelli che acquistiamo nelle scatolette. Ma il re dei tonni, con pinne blu e carne rossa. Un esemplare da 278 chilogrammi

"Diavoli rossi”, “Die roten Teufels”, un appellativo riservato ai soldati italiani che, durante la Grande Guerra, si distinguevano per l’impeto e la forza con cui portavano a termine gli assalti. Per i nemici austro-ungarici, quei soldati italiani erano visti come veri e propri demoni indomabili,

«Ogni giorno c’erano centinaia di telegrammi, era l’unico modo per comunicare con le famiglie. Ora viene concesso l’utilizzo dei telefoni cellulari, ma solo in determinati momenti: per il resto, dal 1967 a oggi, il rigore e la forza dell’esperienza al Centro velico di Caprera sono

Da emigrazione a migrazione. La “e” cade, ma non si perde. Si trasforma e assume un altro significato. Da emigrazione a mobilità, a pendolarismo a lungo raggio. Un fenomeno che muta col passare dei decenni e con le trasformazioni della società globale. Aiutato dai nuovi