La Sardegna di oggi per la Memoria di domani
Home2017

giugno 2017

Sono nata e cresciuta in Sardegna nell’antico e rustico rione di San Pietro a Nuoro, ma ho trascorso in Danimarca la maggior parte della mia vita. Da una quarantina d’anni ho abitato una vecchia villa fine-ottocento, affondata nel verde d’uno dei quartieri residenziali tradizionalmente più borghesi

"All’aperto si gioca solo a bocce" rispose laconico Arturo Toscanini a un giornalista che gli domandava cosa ne pensasse dell’idea di fare musica sotto le stelle. In Sardegna, il maestro parmigiano sarebbe stato decisamente smentito. Da lunghi anni l’Isola ospita una pattuglia di festival “open

Stessa spiaggia, stesso mare il titolo del famoso tormentone della lontanissima estate del 1963 pare essere diventato una regola di marketing per pubblicitari, tour operator, agenzie di viaggi, siti internet che vendono vacanze e addirittura per qualche portale istituzionale: dalla Puglia alla Grecia, dalla Spagna

Cala Gonone? È a Gibilterra. Capriccioli? A Mauritius. Sette illustri viaggiatori sardi spiegano perché le spiagge e le cale dell'Isole si ripropongono in ogni angolo del Pianeta. E anche il perché ovunque vadano i sardi credono di ritrovare un angolo del loro mare. Più che la

Dritto in sella, hidalgo d’altri tempi, Mario Maicu è un tutt’uno col suo cavallo, che guida con dolcezza nel paddock polveroso dell’Horse Country di Arborea. È nato a Santu Lussurgiu, terra di cavalli per eccellenza, e dice di non ricordare di aver mai imparato a

Gli studenti si avvicinano ai materiali con un po’ di diffidenza. Sul tavolo c’è di tutto: mollette, tappi, batterie, colla, scotch, elastici, pennarelli, forme di legno, piccoli motorini (di quelli che si trovano negli spazzolini elettrici), morsetti e così via. Devono individuare ciò che serve

Pochi stili polifonici tradizionali possono vantare radici musicali che, come quelle della Sardegna, vanno indietro nel tempo di 3000 anni. Quella sarda è l’unica delle culture musicali conosciute che utilizza contemporaneamente quattro scale armoniche creando il “canto a cappella”, più noto come canto a tenore: