La Sardegna di oggi per la Memoria di domani
Home2016 (Pagina 2)

dicembre 2016

"Olimpia”, flotta Achille Lauro, aveva un altro nome durante la Seconda Guerra Mondiale. Si chiamava “Liberty”. Allora non è affondata. Oggi, siamo nel 1949 e sono passati appena quattro anni, chissà. Comunque mi imbarco. A Genova. Assieme ad altri 400 passeggeri. Appena sono a bordo

Ventinove milioni di volte oltre il limite di legge: è il massimo valore raggiunto dal pericoloso dicloretano nelle acque di falda dell’ex petrolchimico di Porto Torres. Un vero e proprio record nazionale quello rilevato da Syndial (controllata Eni) nell’agosto del 2010, che potrebbe avere pochi

Fiori, animali, in particolare uccelli, alberi. I simboli dei tappeti della tradizione sarda raccontano un mondo che non appartiene più alla vita quotidiana di una popolazione sempre più urbanizzata. Un tempo le tessitrici di Isili o Morgongiori, di Mogoro o Samugheo “scrivevano” con i loro

I gruppi si formano spontaneamente, soprattutto sulla Rete, e senza lista d’attesa: fare il pieno di energia, in Sardegna, è gratuito in tutte le stagioni. Energia intesa come forza, e talvolta come cura, catturata naturalmente da un numero incredibile di resti archeologici sparsi sul territorio

Se vuoi un Carnevale che non ce n’è un altro su tutta la terra – scrive Salvatore Cambosu in Miele amaro – vattene a Mamoiada che lo inaugura il giorno di Sant’Antonio: vedrai l’armento con maschere di legno, l’armento muto e prigioniero, i vecchi vinti,